Escursione n. 9: Traversata dal Passo delle Radici al Passo di Pradarena

Gruppo Escursionistico Sezionale “R. Marini” – Escursione n. 9
Sabato 2 e domenica 3 Giugno

Traversata dal Passo delle Radici al Passo di Pradarena

Appennino Tosco-Emiliano

Percorso di ampio respiro lungo lo spartiacque appenninico in uno dei suoi tratti più alti e panoramici, sui passi della GEA e della più recente Alta Via dei Parchi. Partiremo dal Passo delle Radici (1527 m), storico valico dei pellegrini romei, che dalla Pianura Padana scendevano in Garfagnana, e con diversi saliscendi arriveremo prima al Passo delle Forbici (1596 m) e poi alla Bocca di Massa (1812 m). Da qui continueremo il crinale culminante con il Monte Prado (2054 m), vetta più alta della Toscana e scenderemo quindi al Rif. Battisti al Passo di Lama Lite (1751 m), il più antico rifugio dell’Appennino Reggiano. La domenica riguadagneremo lo spartiacque appenninico e seguendo fedelmente il sentiero 00 al cospetto del profilo del “gigante addormentato” del Monte Cusna, percorreremo tutto il crinale fino al Passo di Pradarena (1574 m).

Quota Soci CAI: 80 €
Quota non soci: 110 €
Acconto obbligatorio al momento dell’iscrizione: 15 €

Itinerario:

Sabato 2: Dal Passo delle Radici al Rif. Battisti
Passo delle Radici (1527 m) – sent. 00/GEA/AVP – Cima La Nuda (1707 m) – Passo delle Forbici (1596 m) – Le Forbici (1815 m) – Bocca di Massa (1812 m) – Passo degli Scaloni (1927 m) – Monte Vecchio (1983 m), la cima può essere aggirata sul versante orientale seguendo il sentiero 00 – Passo di Monte Vecchio (1935 m) – Monte Prado (2054 m) – Sella di Monte Prado (1904 m) – sent. 631 – Lago della Bargetana (1759 m) – incrocio sent. 633 – Passo di Lama Lite (1781 m) – Rif. Cesare Battisti (1751 m)
Sistemazione, cena e pernottamento in rifugio.

  • Difficoltà: EE
  • Dislivello complessivo in salita: 700 m
  • Tempi di percorrenza: ore 5-6 (soste escluse).

Domenica 3: Dal Rif. Battisti al Passo di Pradarena
Rif. Cesare Battisti – Passo di Lama Lite – sent. 631 – Lago della Bargetana – Sella di Monte Prado (1904 m) – sent. 00 – Monte Castellino (1948 m) – La Focerella (1744 m) – Monte Ravaianda (1761 m) – Passo di Romecchio (1681 m), nei pressi del quale è situato il bel tabernacolo dedicato a San Bartolomeo, recentemente restaurato, e si trova la sorgente del Serchio di Soraggio – Le Porraie (1835 m) – Monte di Soraggio (1849 m) – abbandoneremo il sentiero 00 e proseguiremo per crinale al Monte Sillano (1875 m) per riprenderlo poco prima del Passo della Comunella (1619 m) – Passo di Pradarena (1574 m).

  • Difficoltà: EE
  • Dislivello complessivo in salita: 500 m
  • Tempi di percorrenza: ore 5-5.30 (soste escluse).

Attrezzatura necessaria: pila frontale, sacco lenzuolo, abbigliamento a strati da alta montagna, scarponi alti con suola scolpita. Vivamente consigliato l’uso dei bastoncini da trekking.

Partenza da Prato, piazzale Nenni – ore 6.00. I pranzi sono da considerarsi al sacco.

Per ulteriori info e iscrizioni:

Visualizza le locandine:

    

Vai alle foto dell’escursione…