Manutenzione straordinaria ferrata del Procinto

Nel mese di maggio sarà effettuata la

Manutenzione straordinaria della ferrata Aristide Bruni al Procinto

Si prevede la sostituzione delle attuali catene e cavi corrimano e degli ancoraggi al suolo. Si prevede anche la posa di qualche pediglia per facilitare qualche singolo passaggio. Non sarà sostituita la scala metallica e saranno rimossi eventuali fittoni metallici ritenuti non necessari alla progressione e sicurezza.

I lavori inizieranno giovedì 10 maggio 2018 e termineranno il 25 maggio 2018, condizioni meteo permettendo. La ferrata sarà indisponibile per circa due settimane; i tempi potranno subire variazioni in funzione delle condizioni metereologiche.

In questo periodo la ferrata sarà indisponibile. Come si potrà capire i tempi potranno subire ritardi o anticipi in funzione delle condizioni metereologiche. In caso di variazione dei tempi, sarà data prontamente comunicazione.

L’intervento sarà possibile in occasione dei 150 anni della Sezione CAI di Firenze e sarà realizzato con il contributo del Parco delle Alpi Apuane e del CAI Gruppo Regionale Toscano, oltre a quello della Sezione di Firenze.

Chiusura sentieri

Durante le lavorazioni, la ferrata non sarà utilizzabile. Il Sindaco di Stazzema opportunamente informato, ha già comunicato che emetterà Ordinanza di chiusura dei sentieri sottostanti durante i giorni lavorativi e della ferrata stessa per tutto il periodo. Si segnala che durante il periodo dell’esecuzione dei lavori, pur utilizzando tutte le precauzioni possibili, i sentieri sottostanti la parte sud e sud est del Procinto saranno esposti a possibili cadute sassi.

In particolare i tratti dei sentieri esposti sono:

  • sentiero CAI 5A dal bivio verso la Baita degli Scoiattoli fino alla vasca dell’acqua nei pressi del rifugio Forte dei Marmi
  • sentiero CAI 121 dalla Baita degli Scoiattoli (esclusa) fino alla vasca dell’acqua nei pressi del Rifugio Forte dei Marmi
  • sentiero CAI sulla cintura del Procinto, dal ponte sulla foce del Procinto fino al punto tra la parete sud est e la parte ovest

Non sono previste limitazioni alle arrampicate ad esclusione di quelle sulla parete dove c’è l’intervento e non si potrà utilizzare la ferrata per scendere. Saranno posizionati vari cartelli che informano delle zone di interdizione e nei punti di divieto di percorrenza dei sentieri, saranno messi i nastri bianco rossi.

Articolo precedente

Sulle tracce degli Etruschi: la Bucaccia