Proposte di trekking sulla Montagna Pratese

Piccola rubrica dedicata alla montagna pratese e al trekking pubblicata su Pratosfera, scritta dal nostro socio Giovanni Ravalli e curata dal CAI di Prato

I trekking proposti sono stati pubblicati nei vari episodi della rubrica curata dalla Sezione e pubblicati su Pratosfera; essi spaziano un po’ su tutta la rete sentieristica gestita dal CAI di Prato allo scopo di dare la possibilità di camminare in tutti i vari ambienti presenti all’interno della nostra Provincia.
Le proposte sono state inserite in ordine crescente di difficoltà.

 

  • Proposta Trekking N°1: ANELLO GALCETI – MONTEFERRATO
    Itinerario facile di tipo E (11 km /+400 mt /3-3.5 h)

Si parte dalla località Galceti (76 m) e si segue il segnavia n° 12 che attraversa le tre cime del Monteferrato (420 m) fino al bivio successivo al Monte Lopi (375 m), da qui si svolta a destra imboccando il segnavia n° 12A che scende alle Fornaci di Figline (130 m) per poi seguire la pista ciclabile fino al punto di partenza.

  • Proposta Trekking N°2: ANELLO S. LEONARDO – LA RETAIA
    Itinerario facile di tipo E (12 km /+550 mt /4-4.5 h)

Si parte dalla località San Leonardo (289 m) e si segue il segnavia n° 42 che sale in direzione nord-est fino al bivio con lo stradello forestale per Valibona (635 m). Seguiamo quindi la strada fino al Crocicchio di Valibona (621 m), da qui ci immettiamo sul sentiero n° 20 che percorre tutto il crinale della Calvana e cominciamo a risalire in direzione sud superando il Monte Cantagrilli (819 m), il Poggio Cocolla (808 m) e La Retaia (772 m). Si scende poi rapidamente fino alla sella di Cavagliano (559 m), da dove svoltiamo ad ovest sul sentiero n° 28 fino a Casa Bastone (474 m); imbocchiamo infine in direzione nord il sentiero n° 24, che ci porta ad attraversare il Rio Buti nei pressi di Fonte Buia e in breve alla località di partenza.

  • Proposta Trekking N°3: ANELLO DEL MONTALBANO
    Itinerario facile di tipo E (18 km /+600 mt /5-6 h)

Il nostro percorso inizia e finisce a Carmignano (196 m). Si imbocca il segnavia n° 3 che seguiamo fino all’incrocio di Ponte alla Furba dove ci innestiamo sul segnavia n° 5. Risaliamo quindi attraverso l’abitato di Bacchereto (218 m) fino alla Torre di Sant’Alluccio (539 m), località più ad ovest del tracciato; da qui prendiamo il segnavia n° 300 che ci riporta verso est, aggirando da sud La Cupola e superando prima Il Cupolino (641 m) e poi il Poggio Ciliegio (608 m) fino ad incrociare il segnavia n° 2. Imboccato quest’ultimo sentiero scendiamo in direzione nord-est attraverso Madonna del Papa (251 m) e Santa Cristina a Mezzana (225 m) per raggiungere di nuovo Carmignano.

  • Proposta Trekking N°4: ANELLO DEL TABERNACOLO DI GAVIGNO
    Itinerario facile di tipo E (14 km /+650 mt / 5-5.5 h)

Si lascia l’auto presso il Tabernacolo di Gavigno (972 m), dove faremo ritorno. Imbocchiamo il sentiero 00 in direzione nord, superando il Poggio di Roncomannaio (1098 m) fino al bivio (1193 m) che precede il Monte delle Scalette. Al bivio pieghiamo ad ovest sul segnavia 21A raggiungendo il Tabernacolo di Chiapporato (1164 m), per poi iniziare a scendere fino alla località Fossato (709 m). Riprendiamo a salire fino ad incontare di nuovo il sentiero 00 (959 m) nei pressi del Poggio Cattarelle; riguadagnato il crinale ci manteniamo sul segnavia 00 in direzione nord e superate le due asperità di Poggio La Zucca (1138 m) e Poggio alla Croce (1112 m), facciamo ritorno al punto di partenza.

  • Proposta Trekking N°5: ANELLO DEL MONTE BUCCIANA
    Itinerario impegnativo di tipo E (12 km /+800 mt / 5-6 h)

Partenza ed arrivo a Cantagallo (548 m), per questo itinerario che ci porta alla conquista della vetta più alta interamente compresa all’interno della Provincia di Prato. Seguiamo inizialmente il sentiero 38 in direzione est fino al ponte sul Rio Ceppeta, dove al bivio imbocchiamo il segnavia 36 che con salita costante ci porta prima alla Cascina di Cerliano (813 m) e poi ad incrociare il sentiero 00 (1015 m). Mantenendoci sullo 00 guadagnamo in direzione sud la Foce di Cerbiancana (1151 m); da qui imbocchiamo la traccia evidente (indicazioni in loco), che percorre il crinale del Monte Bucciana, raggiungendone la vetta (1219 m) e ridiscendendo sul versante nord a Fregionaia (979 m), dove ci immettiamo di nuovo sul sentiero 00. Proseguiamo quindi in direzione nord, superando La Pigna (1050 m) ed il Passo del Treppio (1002 m) fino a raggiungere il Pian della Rasa ed il Rifugio Pacini (999 m). A questo punto torniamo indietro sui nostri passi fino al Passo del Treppio, e da qui imbocchiamo il sentiero 50 sulla nostra sinistra (direzione est), che percorriamo in discesa interamente fino a Cantagallo.

  • Proposta Trekking N°6: TRAVERSATA PONTE DI CERBAIA – MONTEPIANO
    Itinerario impegnativo di tipo E (18 km /+650 mt / 5-6 h)

Traversata piuttosto impegnativa per lunghezza, che prevede il rientro alla località di partenza utilizzando il servizio bus di linea. Partenza in località Cerbaia (203 m), dove potremo parcheggiare nei pressi della S.P. 325. Imbocchiamo il sentiero 48 e dopo aver attraversato l’antico ponte in pietra sul fiume Bisenzio, iniziamo a salire in direzione Nord-Est; oltrepassata la Rocca medievale eretta dagli Alberti (merita assolutamente una breve sosta per visitarla), raggiungiamo località Foraceca (617 m). Ci manteniamo sullo stesso sentiero, che ora piega in direzione Sud-Est fino a Montecuccoli (635 m); a questo punto ci innestiamo sul sentiero di crinale 20 che proviene dalla Calvana e lo seguiamo in direzione Nord. Oltrepassiamo Poggio delle Prata (696 m), Poggio della Dogana (661 m) e Poggio Cupola (678 m), fino alla località Le Soda (675 m), dove incrociamo il sentiero 60 che ignoriamo proseguendo sul segnavia 20 sempre verso Nord. Superiamo Poggio Torricella (791 m) e Poggio Stancalasino (806 m) fino ad incontrare il sentiero 00; imbocchiamo il nuovo segnavia in direzione Ovest, raggiungiamo il Passo della Crocetta (816 m) e da qui scendiamo ai circa 700 metri dell’abitato di Montepiano.

  • Proposta Trekking N°7: TRAVERSATA S. IPPOLITO DI VERNIO – S. LUCIA
    Itinerario impegnativo di tipo E (22 km /+700 mt / 6-7 h)

Traversata impegnativa per lunghezza, con partenza dalla località Sant’Ippolito di Vernio (416 m). Imbocchiamo il segnavia 16 grazie al quale percorriamo in direzione Sud-Ovest il crinalino che separa la valle del Bisenzio dalla valle del rio Canvella; superato il Poggio dell’Uccellaia (744 m) ed ignorato l’itinerario 16B che scende a sinistra, imbocchiamo la porzione di sentiero conosciuta come ”Sentiero dei Tabernacoli”. Ignoriamo i sentieri 38 e 16A e giungiamo infine al passo delle Cavallaie (830 m), dove ci innestiamo sull’itinerario 10 che prendiamo in direzione Sud-Est. Percorriamo quindi tutta la dorsale del Monte Javello con la cima più elevata delle Cavallaie (981 m), ignoriamo i segnavia 14 e 12 e scendiamo al Passo della Collina (448 m). Proseguiamo nella stessa direzione fino a risalire al Monte Le Coste (508 m), dove potremo rendere omaggio alle spoglie di Curzio Malaparte, per sua volontà tumulate sullo ”Spazzavento” e scendere infine a Santa Lucia (95 m).

  • Proposta Trekking N°8: CASCINA DI SPEDALETTO – TORRI (A/R)
    Itinerario impegnativo di tipo E (31 km /+750 mt / 7-8 h)

Trekking impegnativo che si svolge in buona parte in provincia di Pistoia seppure su sentieristica di competenza della nostra sezione del CAI. Lasciata l’auto presso la Cascina di Spedaletto (878 m), imbocchiamo il sentiero 15 che scende in breve ad ovest seguendo la strada asfaltata sino a raggiungere la località Ponte a Rigoli (829 m). Ci immettiamo sul segnavia 11 che seguiremo per tutto l’itinerario fino alla località Torri. Superiamo L’Acquerino (896 m) e, aggirato da est il Poggio di Chiusoli (1239 m), raggiungiamo il quadrivio detto La Forca (1186 m). A questo punto il sentiero si mantiene grossomodo sulla stessa quota, aggira da ovest il Poggio del Felicione (1231 m), il Monte Femmina (1186 m) ed il Monte Calvario (1122 m) fino al bivio con il sentiero 11A. Il giro prevede di proseguire seguendo ancora il segnavia 11, che aggira da ovest il Monte Lavacchio (1100 m) per poi scendere in direzione est, sud-est a Torri (900 m). Imboccando il segnavia 11A si scende più rapidamente a Torri, accorciando un pochino il tragitto. Per il ritorno si segue a ritroso lo stesso itinerario (possibilità di risparmiarsi qualche chilometro provvedendo a lasciare un’auto a Ponte a Rigoli o a L’Acquerino). Per completezza di informazione ricordiamo che il Rifugio La Cà di Torri, che trovate segnalato sulla mappa, non appartiene più alla Sezione ed è stato dismesso da rifugio.

  • Proposta Trekking N°9: TRAVERSATA DA PRATO A MONTEPIANO
    Itinerario impegnativo di tipo E (35 km /+1300 mt / 8-9 h)

Vi proponiamo una traversata impegnativa che ripercorre al contrario l’itinerario del secondo giorno di DA PIAZZA A PIAZZA, manifestazione principe del CAI di Prato.
Partenza prevista da Prato, in località I Cappuccini, da dove imbocchiamo il sentiero 40 che ci porta in breve in direzione nord all’abitato di Filettole (139 m); da qui ci immettiamo sul segnavia 26 che seguiamo in direzione est fino ad incrociare l’itinerario 24. Pieghiamo nuovamente verso nord seguendo quest’ultimo segnavia fino a Casa Bastone (474 m) per poi svoltare ad est sul sentiero 28, che abbandoniamo al bivio di Cavagliano (559 m), per immetterci infine sull’itinerario di crinale 20 che seguiremo in direzione nord praticamente fino a Montepiano. Inizia qui la parte più panoramica del percorso che ci permette di passare in rassegna le cime e le località più belle del versante sinistro della nostra valle: La Retaia (772 m), Monte Cantagrilli (819 m), Valibona (758 m), Aia Padre (808 m), Masso di Costa (713 m), Montecuccoli (635 m), Le Soda (675 m), Poggio Stancalasino (806 m). Superata quest’ultima asperità il sentiero 20 termina confluendo nell’itinerario 00 che imbocchiamo in direzione ovest nord-ovest; valicato il Passo della Crocetta (816 m), scendiamo infine a Montepiano.